mercoledì 13 marzo 2013

E fuori nevica...

Il primo giorno di neve a "freddocity" pensavo che avesse nevicato molto nonostante una veterana del luogo mi avesse assicurato del fatto che non fosse così. Dopo mesi di neve costante mi rendo conto che aveva ragione lei.
Stamattina mangiapatate mi ha svegliato alle 6,40 tutto contento convinto che la bufera di neve avrebbe impedito alla mammamucca di varcare il confine per portarlo a scuola.
Povero illuso, con quel mal di testa nessuno mi avrebbe convinto a tenermi entrambi i cuccioli da sola a casa. Pazza sì ma non fino a questo punto!
Mangiapatate non ha propriamente ben accettato l'aver lasciato "al freddo e al gelo" per venire a freddocity con le sue quasi quattro lingue ufficiali. Dopo un inizio travagliato, abbiamo pensato che fosse più giusto attraversare il confine e portarlo a scuola tra i SUOI simili, i mangiapatate.
Mentre guidavo a due all'ora sommersa dalla neve e mi chiedevo chi me l'avesse fatto fare a star lì in quel momento invece di star sdraiata al sole delle Maldive, il manigapatate,tutto contento, se ne usciva con frasi del tipo:"mamma hai visto che bello, le macchine son tutte bianche, completamente ricoperte di neve!"
"Hai visto la strada? È tutta bianca! Ora la macchina si trasforma in slitta e scivola fino a scuola!"
"A me piace la neve!"
Ahhhhhhhhhhhhhhhhh! No, non è figlio mio, è tutto suo padre!
Un giorno l'ho sentito urlare, sono corsa da lui per capire cosa fosse successo e mi son sentita dire ; "mamma c'è il sole, a me non piace il sole, può farmi male!" 0_0
Onestamente, penso che il problema risieda nel fatto che non abbiamo imparato niente dagli uccelli, loro, intelligenti, migrano verso i paesi caldi, noi, che ci crediamo più furbi, verso quelli freddi.
Sicuramente se invece di sposare un orso bianco avessi sposato, non so, una rondine avrei avuto più possibilità di non morire assiderata. Il problema è che una rondine non fa una mucca volante, così come un orso bianco non fa una mucca delle nevi.
Oramai è andata così, ed, in un modo o nell'altro, il mangiapatate è arrivato a scuola e a me son toccati, per tornare a casa, altri 45 minuti bloccata in macchina nella neve con l'urlatrice folle.
Per fortuna, l'orso, probabilmente per paura che lasciassi il vitello a scuola fino a primavera, ha deciso di andar lui a recuperarlo, così io e la vispa ci siamo godute il calduccio di casa.
La neve continua a scender senza sosta, domani però, il mangiapatate sarà accontentato e resterà a casa con mamma mucca e vispa urlatrice.

2 commenti:

  1. bentornata mucca!
    che belli i tuoi racconti! il tuo mangiapatate ha ragione: la neve è cosi beeeeella!!

    E' bello anche il calduccio della propria casa mentre fuori nevica!!

    un abbraccio muccoso!

    RispondiElimina
  2. @sara io sono per il calduccio :)

    RispondiElimina